MODERNO OPIFICIO del SIGARO ITALIANO
TRADIZIONALE

mosi ambasciator italico

MOSI è l’acronimo di Moderno Opificio (del) Sigaro Italiano, e produce sigari italiani tradizionali di alta qualità: gli Ambasciator Italico. Il sigaro Ambasciator Italico è la piena espressione dello stile italiano, unita all’amore per le cose fatte bene.

La Storia

L’azienda seppur giovane che si prefigge di garantire la massima qualità dei suoi sigari, utilizzando soltanto i tabacchi migliori. Per riuscire in questo intento, individua prima di tutto le migliori aree di coltivazione del tabacco. Successivamente seleziona accuratamente la materia prima.

Per la produzione dei sigari, l’azienda si avvale delle migliori risorse disponibili e, in fase di produzione, verifica attentamente l’uniformità del riempimento. Il tiraggio e la forma. Fino a rispettare pazientemente i tempi naturali di stagionatura. Senza accelerarli artificialmente e senza immettere sul mercato prodotti dei quali non siano totalmente soddisfatti.

Il Tabacco

Si utilizza principalmente tabacco coltivato nelle piantagioni di proprietà, ubicate in provincia di Verona. Dove il terreno di medio impasto è ideale per la coltivazione di tabacco Kentucky. Solo le migliori foglie diventano sigari Ambasciator Italico. Per creare dei blend perfetti, adatti a tutti i tipi di fumatori, dai neofiti ai più esperti, utilizziamo anche foglie selezionate di tabacco Kentucky coltivate in Italia (e USA):

  • Valtiberina
  • Val di Chiana
  • Benevento
  • Stati Uniti (Tennessee e Kentucky, da dove prende il nome questa incredibile pianta)

La Fermentazione

I sigari Ambasciator Italico sono prodotti impiegando tabacco Kentucky curato a fuoco, in ossequio alla tradizione italiana. La varietà Kentucky è a foglia larga e rappresenta appena l’1% della produzione mondiale. Il tabacco che sarà utilizzato per il ripieno, è lavorato uno o due anni dopo la raccolta. Stese in “filze” in appositi locali, nei quali vengono bruciati, senza produzione di fiamma, legni di essenza forte (rigorosamente di quercia e rovere). Le foglie vengono essiccate portando gradualmente la temperatura fino a 45-50° C. La cura “a fuoco diretto” dura un massimo di venti giorni: in tal modo, si attivano naturalmente i processi di fermentazione. Che conferiscono profumo e aroma al tabacco.

A seconda del sigaro, la fascia esterna, che racchiude il ripieno, può avere provenienza Americana, dallo stato del Tennessee, o Italiana. Le foglie utilizzate per la fascia, che non possono essere preventivamente fermentate. Necessitano invece di una lunga stagionatura prima di essere impiegate: per la nostra fascia, utilizziamo tabacco invecchiato dai due ai quattro anni. Il tempo di stabilizzazione, di fermentazione e stagionatura del tabacco dipende dalla miscela, dalla forma e dalle dimensioni dei sigari. Nessun tabacco di provenienza diversa è utilizzato per i nostri sigari: noi lo possiamo garantire.

Innovazione

Pur rifacendosi ai tradizionali e consolidati processi di lavorazione del tabacco e produzione dei sigari italiani, Moderno Opificio del Sigaro Italiano è attento alle nuove esigenze del fumatore moderno: a conferma che l’innovazione non sia necessariamente contrapposta alla tradizione. In quest’ottica hanno realizzato i sigari Ambasciator Italico aromatizzati. Nel pieno rispetto di alti standard qualitativi, vengono aggiunti al ripieno aromi alimentari: per i sigari aromatizzati la maturazione è ridotta per evitare la dispersione delle sostanze aromatiche.

Visualizzazione del risultato